Ex allievi dei Fratelli delle Scuole Cristiane

Tripoli - Bengasi

Gli ex allievi, la Famiglia lasalliana

e gli avvenimenti al Colle La Salle di Roma

News

Un piacevole incontro

Amici,

Il professore di antropologia Arnd Schneider, docente all’Università di Oslo, e l'artista Leone Contini di Firenze, forti di un progetto europeo, "Traces", sul patrimonio contestato degli italiani in Libia ma anche sui costumi, l'alimentazione (cus-cus) e la convivenza degli italiani in Libia, negli anni coloniali e dopo.

Il loro progetto li porta a Roma, a lavorare alle collezioni dell'ex museo italo-africano conservate al Museo preistorico etnografico "Luigi Pigorini" all'EUR. Dopo i convenevoli di presentazione con il responsabile dell comunicazione, mio figlio, gli chiedono dove fosse nato. Meravigliati  positivamente che fosse di Tripoli, iniziano le tantissime domande.

Mio figlio Gianfranco spiega la nostra generazione, che siamo, dell’Ass. Cattolica La Salle. Fr. Amedeo, che ci riuniamo più volte durante l’anno in città diverse, ottenendo ottime presenze, rincontrando ogni volta un ex alunno, dove raccontare nuovi ricordi e circostanze.

Mi contattano telefonicamente, tramite mio figlio, e prometto che gli avrei organizzato un incontro con i nostri associati.

Il primo incontro avviene presso il Museo Pigorini. Stupiti dai plastici di Sabrata e Leptis Magna, ad ogni domanda nasce una curiosità che rivela una

altra incredibile circostanza. Il nonno di Leone, Caputo, è stato archeologo in Libia. Si fanno dei cognomi risultanti conosciuti ai nostri associati

e di essere stati Ex Alunni dei F.S.C. di Tripoli.

Informato il nostro Presidente G. Consolandi dell’Ass. Fr. Amedeo, iniziano quegli approfondimenti di conoscenze per altri incontri cercando di soddisfare ogni loro richiesta.

Il 5 aprile sul tema cus-cus, organizzato da Antonio, ci hanno offerto presso un ristorante ebraico, uno squisito pranzo, discutendo del passato e in amicizia col  titolare, amico Tripolino.

Amici, io mi fermo qua, sarà il Presidente Consolandi che durante l’assemblea deluciderà le tante circostanze, e le motivazioni di averli come ospiti e acclamarli come Lasalliani.

Ps:  Leone Contini, dopo le varie circostanze ha partecipato al pranzo del Colle, in occasione della domenica delle Palme, presentato al Direttore dell’Istituto Fr. Salvatore  Greco ed a tutti i presenti, certo che durante il Raduno del 18 Giugno 2017, incontrerà altri discendenti.

 

                                 X il sito .  Mario  Calandra.

Conferimento stella d'oro

Conferimento di Stella d'Oro

14 gennaio 2017

 

Antonio Capodieci

 

Vedi le foto della giornata, leggi i discorsi presentati

 

Foto 1 - Foto 2 - Foto 3

 

Documento 1 - Documento 2

 

 

Carissimi lettori,

 

vi racconto di un regalo che mi hanno fatto i Fratelli del Colle La Salle, con il Direttore Fratel Salvatore Greco, i membri della Famiglia Lasalliana, con Gianpiero Spadoni, la sig.ra Anna Lo Re, il sig. Pino Di Costanzo, la sig.ra Rosamaria Santocchini, e gli Exlali al Colle: Mario Calandra e Nicola Loffredo.

Il martedì sera Nicola Loffredo mi ha telefonato: guarda che la Stella d’oro la danno a te?

Risposi che non era giusto, la dovevano dare a tutti o a nessuno!

I Fratelli del Colle avevano deciso da diversi mesi di dare la Stella ad Antonio, e nessuno mi ha detto nulla.

Ho pensato i Fratelli sono come i preti fanno di tutto e ti fanno sapere all’ultimo.

Accetto questa Stella d’oro al merito Lasalliano, non per quello che ho fatto in seno alla Salle, ma per il fondatore San Giovanni Battista de La Salle, che mi prese alla quarta elementare, e mi disse Antonio devi aiutare la Scuola Lasalliana, come ho fatto io da giovane fanciullo, figlio di miliardari, che ho tolto dalla strada tanti bambini poveri ed hanno imparato a leggere a scrivere.

Quest’anno farò 85 anni e sono al servizio dei Fratelli de La Salle da 77 anni.

 

La Stella che ho ricevuto deve andare a San Giovanni Battista de La Salle ed a tutti i Fratelli, sparsi nel mondo ad insegnare ai bambini l’A, B, C.

 

Una preghiera per ciascuno di noi, per i nostri familiari e per i Fratelli.

 

Antonio

 

Varie 1

 

CARISSIMI,

Ricordando le parole del Superiore Generale, Fr. Robert  Schieler, durante l’assemblea del raduno degli ExLali di domenica 12 giugno 2016, alla Casa Generalizia dei Fratelli di Roma, l’invito dell’approfondimento della circolare, sulla Missione Lasalliana.

 

Ecco la circolare

 

Nella Circolare 461 del settembre 2010, composta da 65 pag., troviamo nei sette capitoli ogni delucidazione e intento di applicazione.

Amici affidiamoci alle preghiere, affinché  il Signore Benedica l’attuazione di questa Missione Lasalliana.

Grazie.

X il sito.    Mario

 

-----------------------------

 

Carissimi,

riceviamo da Hasan Grittli, nostro ex alunno lasalliano, una richiesta di collaborazione sportiva Italia - Libia.

Letto l’intento e la programmazione abbiamo aderito immediatamente, cosi anche altri exlali.

 

<Comunicato stampa>

 

Per il comitato.

Mario

 

AMICI,

Ringraziamo tutti coloro che hanno contribuito, anche quest’anno, alla vendita e all’acquisto delle arance, provenienti da Regalbuto, grazie all’interessamento di Fr. Ciro Aiello, che ringraziamo tantissimo.

Anche quest’anno col ricavato della vendite, si è in grado di sostenere agli studi la giovane Concita Sangwa, all’università

Cattolica de Sove in Africa.

 

X il sito Mario.

 

-----------------------

 

 

Carissimi,

purtroppo da giovedì, pomeriggio, 25 agosto nell’ospedale di Malta è venuto a mancare il sorriso del nostro Franco Cartia. Domenica scorsa alle ore 7,30 è stata celebrata una Santa Messa in suffragio del nostro Franco, che i Fratelli del Colle la Salle conoscevano, perché a Roma Franco

abitava vicino alla Scuola del Colle.

Una Preghiera.

Antonio

 

 

 

 

Le foto del Giubileo della Misericordia e del Raduno alla Casa Generalizia di giugno.

 

FRATEL SALOMONE LECLERCQ

FRATEL SALOMONE LECLERCQ

 

Guglielmo Nicola Ludovico (questo era il suo nome) Leclercq nacque a Boulogne-sur-Mer (Francia) il 14 novembre 1745. La sua era una famiglia di commercianti, e perciò una famiglia agiata. Quando terminò gli anni di scuola, che frequentò dai Fratelli, i suoi genitori volevano che si inserisse nel lavoro di famiglia. Egli però scelse di farsi religioso e entrò al Noviziato dei Fratelli nel 1767. Fu successivamente insegnante di matematica, direttore del Noviziato e procuratore della grande casa di Maréville. Partecipò al Capitolo Generale del 1787, del quale fu nominato Segretario e, al termine, fu chiamato a ricoprire la stessa carica, ma al servizio del Superiore Generale Fratel Agathon.  Arrivarono gli anni terribili della Rivoluzione e i Fratelli dovettero disperdersi per sfuggire alla persecuzione contro il clero e i religiosi. Fratel Salomone volle rimanere a custodire la Casa Generalizia in Rue Neuve a Parigi, sperando di non essere scoperto.  Invece lo fu. Arrestato il 15 agosto 1792 fu richiuso nel convento dei Carmelitani, trasformato in carcere dai rivoluzionari. Il 2 settembre successivo, al suo rifiuto di giurare fedeltà alla Costituzione Civile del Clero (una parodia di Chiesa, dipendente non dal Papa, ma dal governo), fu decapitato. Fu beatificato da Papa Pio XI il 17 ottobre 1926, insieme ad un folto gruppo di altre 190 vittime di quegli anni terribili. Fino al 1948 è stato l’unico beato della nostra Congregazione. In seguito ad un miracolo avvenuto a Caracas nel 2007 ed approvato nel 2016, Fratel Salomone sarà canonizzato (l’unico del gruppo beatificato nel 1926) il 16 ottobre da Papa Francesco.

 

La CANONIZZAZIONE avverrà domenica 16 ottobre 2016 in Piazza San Pietro (Roma), alle ore 10.00 e potrà essere seguita in  tutto il mondo alla televisione.

 

A Roma vi saranno anche altre funzioni religiose in onore del nuovo santo.

Sabato 15, alle ore 17, nella chiesa di San Luigi dei Francesi avrà luogo una veglia di preparazione.

Lunedì 17, alle ore 17, nella cappella della Casa Generalizia in Via Aurelia 476 avrà luogo il Te Deum e la Messa di ringraziamento celebrata da S. Em. il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato del Vaticano.

 

 

Pasqua 2016

Carissimi,

                    Il Gruppo Exlali Laziale aggregati al Colle La Salle di Roma, augura una Buona e Santa Pasqua,

                    piena di pace, d’amore e fraternità, come da calendario Lasalliano a:

 

         Fr.  Robert           Schieler              Superiore Generale dei F.S.C.

         Fr.  Ismail            Beltran               Direttore della Casa Generalizia dei Fratelli

         Fr.  Ciro               Vitiello                Economo della Casa Generalizia dei Fratelli

         Fr.  Achille           Buccella               Visitatore Generale

         Fr.  Bernardino    Lorenzini              Visitatore Ausiliare ed Economia

         Fr.  Gabriele        Di  Giovanni         Visitatore Ausiliare per la Missione Educativa

         Fr.  Remo            Vergara               Direttore dell’Istituto di Grottaferrata, Roma

         Fr.  Flavio            Martini                Direttore dell’Istituto Filippin, Bassano

         Fr.  Piero             Spagnolini           Vice Direttore dell’Istituto di Parma e Assessore

                                                                 dell’ASS. EX Alunni Lasalliani di Libia

         Fr.   Marcellino    Zuccari                 Economo al S.Giuseppe - già del Colle e della Casa Generalizia

         Fr.   Salvatore      Greco                  Direttore Dell’Istituto del Colle La Salle di Roma

         Fr.   Vincenzo       Ippoliti                Vice Direttore dell’Istituto del Colle

         Fr.   Luigi             Lemme               Economo dell’Istituto del Colle

         A Tutti i Fratelli dell’Istituto La Salle del Colle, Roma

         A     Don  Giovanni   Picone             Nostro celebrante ecclesiale

         Fr.   Donato        Petti                     Direttore responsabile della Rivista Lasalliani in Italia

         Fr.   Bartolo        Parise                   Direttore del pensionato Fr. anziani del Colle e alle suore

         Fr.   Giuseppe     Volpati                  Responsabile la residenza dell’Istituto S.Giuseppe di Milano-

                                                             Assessore dell’ASS. Ex Alunni Lasalliani di Libia. Deus macchina per il notiziario L’Oasi

         Fr.  Egidio            Mura                   Direttore del Centro La Salle di Torino. Sede di svolgimento dei nostri raduni

         A  Giancarlo       Consolandi            Presidente  dell’ASS.ne  Ex Alunni Lasalliani di Libia

         Ai  Membri del Consiglio  dell’ASS.ne degli Ex Alunni Lasalliani di Libia

         Agli amici e alle loro famiglie d’Italia e in special modo, quelli residenti all’Estero che con amore ed affetto, ci seguono  attraverso il sito del Colle La Salle di Roma.

                     Per il sito.  Mario.

 

Francesca Galante

Franca Galante (a destra) con Mariarosa Gumina Capodieci al Colle La Salle di Roma

Carissimi,

Sabato pomeriggio sono stato alla Chiesa San Gregorio Magno, alla Magliana, dove è stato celebrato il funerale di Francesca Galante.

 

Franca per ventuno anni ha frequentato unitamente agli Exlali il Colle La Salle, ed era sempre presente con le amiche, di gioventù tripolina, Mariuccia Spadavecchia e Cecilia Dugo, alle funzioni religiose e non.

Con la dipartita di Francesca si stanno esaurendo le presenze degli Exlali, Tripolini e Bengasini, abbonati all’OASI, al Colle La Salle.

 

Una preghiera per Francesca, che si trova alla presenza di Nostro Signore.

 

Antonio

Natale 2015

CARISSIMI, Il Gruppo Exlali Laziale, aggregato al Colle La Salle di Roma, ha pensato di inviare i più affettuosi auguri di  un S. Natale, un Buon Anno, pieno d’affettuosità, d’amore e fratellanza. Sentendosi partecipe attivo a questa grande famiglia, pensiamo di non inviarli singolarmente, come i tantissimi ricevuti, ma motivandoli a tutti coloro che ci hanno permesso e ci permettono di proseguire il nostro cammino Lasalliano.

A: Fr. Robert  Schieler -  Superiore Generale dei F.S.C. il quale ci ha accolto con slancio e affettuosità.

    Fr. Ismael   Beltran  -  Direttore della Casa Generale dei F.S.C. di Roma, il quale ci ha permesso di svolgere i nostri raduni annuali.

    Fr. Ciro  Vitiello - Economo della Casa, quale artefice dei nostri raduni presso la Casa Generalizia.

    Fr. Rodolfo Meoli - Postulatore Generale, il quale ci ha autorizzato a pubblicare sul nostro sito i suoi articoli. (vedi dono a Papa Francesco)

A: Fr. Salvatore Greco – (ben tornato) fu colui che ci ha accettato, ben vent’anni fa, permettendoci di essere aggregati al Colle.

     A tutti i Fratelli dell’Istituto del Colle La Salle, sempre ospitali con spontaneità e partecipazione nei nostri incontri.

    Fr. Donato  Petti - della comunità religiosa, direttore della Rivista LASALLIANA, ora con sede al Colle.

    Don  Giovanni - sempre disponibile alle nostre richieste, chiedendogli di celebrare la S. Messe in memoria dei nostri defunti.

A: Fr. Bartolo Paris - Direttore del pensionato dei Fratelli anziani del Colle, che come oggi (20/12) ci ha permesso di incontrare e fare gli auguri ad ogni singolo Fratello.

A: Fr. Giuseppe  Volpati – (Il Gip.) Deus  macchina, creatore, programmatore ecc. ecc. del notiziario dell’Ass. Ex alunni dei F.S.C. di Libia e Assessore.

    Fr.  Piero  Spagnolini -  Assessore della Ass. presente a tutti i raduni annuali programmati dall’Ass. exlali Fr.  Amedeo.

    Fr.  Luigi Montini - Assessore - cardine dei raduni che si svolgono a Torino.

   Giancarlo Consolandi - Presidente dell’Ass.Exlali Fr. Amedeo, pregandolo di estenderli a tutti i componenti del consiglio.

A: TUTTI gli Exlali e simpatizzanti che ci seguono giornalmente, e in particolar modo a quelli che ci seguono, ci leggono visualizzando il nostro sito da ben  63 nazioni sparse in tutto il mondo.

Oltre il nostro desiderio di pace benessere e fratellanza, già dal prossimo anno, un sentito  grazie.

      Dai e per i componenti del sito del Colle, l’incaricato. Mario.

Auguri Natale 2015

 

CARISSIMI, Il Gruppo Exlali Laziale, aggregato al Colle La Salle di Roma, ha pensato di inviare i più affettuosi auguri di  un S. Natale, un Buon Anno, pieno d’affettuosità, d’amore e fratellanza. Sentendosi partecipe attivo a questa grande famiglia, pensiamo di non inviarli singolarmente, come i tantissimi ricevuti, ma motivandoli a tutti coloro che ci hanno permesso e ci permettono di proseguire il nostro cammino Lasalliano.

<Segue su News>

 

-----------------------------

Ancora auguri

 

Dall'Istituto e da Fr. Elio Prosperini

 

-----------------------------

 

Carissimi, abbiamo ricevuto e pubblichiamo gli auguri del Direttore del pensionato dei Fratelli del Colle La Salle di Roma, Fr. Bartolo Parise, a cui sentitamente ringraziamo e formuliamo i nostri auguri di buone feste.

                   X il sito.   Mario

 

<Leggi il PDF>

Varie 2015

 

Ho ricevuto due foto…

 

-----------------------------

 

 

Raduno EXLALI a Paderno

3-6 settembre 2015

 

Resoconto fotografico di Antonio Capodieci

 

Foto 1Foto 2Foto 3Foto 4

Foto 5Foto 6Foto 7

 

-----------------------------

 

Leonardo Calandra e Vittorio Vincenzo Leone

Carissimi, che vi alzate, buon giorno,

il 14 giugno è stato il saluto del Superiore Generale de La Salle Fratel Robert Schieler agli EXLALI che sono convenuti alla Aula Magna.

Il Presidente degli EXLALI ha ricevuto, con gli onori di casa, Brother Robert da Filadelfia (USA).

Brother Robert è rimasto entusiasta dell’accoglienza degli EXLALI; ha detto: è la prima volta che incontra Ex alunni così attaccati ai maestri, non che Fratelli delle Scuole Cristiane.

La partecipazione al raduno di 152 persone Exlali, hanno fatto ricordare che esistono Lasalliani provenienti dalla Libia.

La Santa Messa è stata celebrata da Padre Daniele Farruggia con Padre Luca proveniente dal Ruanda.

Ringraziamenti a Fratel Ismael Beltran e a Fratel Ciro Vitiello, che hanno dato ospitalità per il raduno.

La foto del gruppo, pochi, perché gli altri sono fuggiti dalla pioggerella.

Viva Gesù … nei nostri cuori … sempre.

Antonio

 

 

La composizione dei tavoli e gli amici presenti

 

<PDF>

Gianni Massa

Amici, la signora Anna, i figli Gianni (Dandy), Carla, Claudia e Valentina, nostro tramite desiderano ringraziare i tantissimi che oggi 17 maggio 2015, hanno presenziato fisicamente e i tanti impossibilitati ad raggiungere Roma, ad essere spiritualmente presenti alla S. Messa, in memoria di Gianni Massa, ricordando anche in preghiera F. Paternò e A. Paratore. Si ringrazia, a nome di tutti, Don Giovanni del Colle, che, riconosciuto l'affetto per Gianni, per la prima volta, ha suonato ed cantato un canto di preghiera al Signore, dell'amore  della  fraternità e del vivere tutti uniti. Ringraziamo e pubblichiamo Umberto Vaccarini, per averci consegnato quanto da lui letto durante la S. Messa in memoria di Gianni Massa.

x il Comitato del Colle.  Mario.

 

<PDF>

 

In ricordo di Gianni Massa

 

Riceviamo e pubblichiamo dal nostro amico Umberto:

 

Carissimi amici, domenica 17 maggio alle ore 11.00 presso la cappella dell'Istituto dei Fratelli delle Scuole Cristiane "Colle La Salle" via dell'Imbrecciato 181 a Roma si svolgerà la Santa Messa in suffragio del caro indimenticabile amico Gianni Massa. Ho coordinato il desiderio e, tutta la famiglia di Gianni sarà presente alla funzione quindi, chiedo agli amici che mi leggono la massima partecipazione per onorare l'amico Gianni. Con la gioia di rivedervi tutti.

Un abbraccio, Umberto

 

Amici,

Riceviamo dall'amico Umberto Vaccarini la triste notizia della scomparsa di Gianni Massa, avvenuta a Cagliari il 9 Aprile 2015, pubblichiamo il suo pensiero.

Dal Comitato degli Exlali del Colle La Salle di Roma, sentite condoglianze.

Per il Comitato, Mario.

 

Pensiero a Gianni Massa di Umberto Vaccarini

 

Pensiero a Gianni Massa di Antonio Capodieci

 

Alberto Paratore

Cari amici tripolini la moglie di Alberto, Lucia, contattata questa mattina mi ha informato della triste notizia della dipartita di Alberto avvenuta ieri sera alle

ore 22,00. I funerali si svolgeranno a Vicenza venerdì 8 alle ore 14,45.

Con Alberto e Lucia in questi ultimi anni ci vedevamo spesso perché Alberto teneva qui a Brugherio (MB) un Corso mensile sull'Islam nell'ambito dell'Università della Terza Età, che ha ottenuto grande successo poiché

Alberto era un esperto "super partes" in materia, se non il più esperto in Italia (mio parere), come dimostra il suo ultimo di 4 libri dal titolo "SALAM ALAIKUM".

Io e mia moglie Liliana Mallia parteciperemo ai suoi funerali con alcuni degli allievi più affezionati dei corsi da lui tenuti qui a Brugherio, per rendere

omaggio a un grande amico, grande cattolico e grande italiano, una qualità quest'ultima che aveva in comune con tutti noi Italiani nati, o vissuti, in Libia.

Un caro saluto a voi tutti,

Vittorio Sciuto.

Alfredo Calia, con questo pensiero:

Cari amici, un altro amico ci ha lasciato ma che noi porteremo sempre nel cuore. Ciao  Alberto. Condoglianze a tutta la famiglia, Alfredo e Dea.

Cari Amici,

con l'amico Alberto si è chiusa un'altra porta e un pezzo di noi tripolini se ne va via con lui.

Sappiamo quanto amava vivere, è stata una persona con tanta energia e tanta forza. Ora di Alberto rimangono solo i ricordi che porterò sempre nella mia mente sopratturro quanto ci simao detti nella sua telefonata della scorsa settimana.

Ciao Alberto, Umberto

Alcune foto in ricordo di Alberto Paratore mancato stanotte dopo una lunga e tremenda agonia, concerto e festa del centenario dei Fratelli Cristiani Lasalliani a Torino 21-22 aprile 2012.

Qui Alberto stava benissimo e aveva anche presentato il mio concerto col maestro Andrea Turchetto al pianoforte, che appositamente per lui aveva eseguito i suoi due notturni di Chopin preferiti e io le sue adorate famose arie pucciniane.

Nelle foto dove siamo tutti insieme vicino al pianoforte, Alberto è alla mia sinistra, con cravatta e gilet rosso.

Il funerale sarà celebrato venerdì 8 a Vicenza presso la Chiesa di San Giuseppe alle ore 14.45.

 

Il ricordo di Antonio Capodieci

<pdf>

Un ciclo infausto di quest'ultimo periodo, ci ha portato via anche il carissimo Alberto. Con quanta forza ed energia amava vivere lo aveva dimostrato poco più di sei mesi fa alla riunione di ottobre, vulcanico, sempre presente, tanto da lasciarmi certi momenti incredulo.

Pregheremo per te Alberto

Tony Marotta

 

Salvatore Paternò

A pochi giorni dalla dipartita di Gianni Massa, in un momento di malinconia, ho appreso con immenso dispiacere la scomparsa di un altro amico cattedralino, Salvatore Paternò avvenuta lunedì 13 Aprile u.s.

Grazie ad Internet, dal dicembre del 2005 Salvatore faceva parte del nostro gruppo della Cattedrale dove, quotidianamente, aveva sempre partecipato intervenendo sui vari argomenti di qualsiasi natura. Salvatore era la persona pacifista e, quando aveva sentore di polemiche e di diversità di pensieri tra di noi interveniva con la sua pacatezza  come per ricordarci le regole di vita della comunità in considerazione della sua esperienza come Capo Scout della Cattedrale.

Già. Ricordo, quando Salvatore con i suoi fratelli Lucio (deceduto qualche anno fa) e Giulio radunava tutti i suoi ragazzi alla promessa dei novizi. La cerimonia avveniva nel cortile "all'ombra del campanile" e, recitava così:

"Con l'aiuto di Dio prometto sul mio onore di fare del mio meglio per compiere il mio dovere verso Dio e verso la patria... per aiutare gli altri in ogni circostanza per osservare la legge degli Scout". Era tutto pronunciato con una  mano sulla fiamma e l'altra facendo il saluto Scout.

Salvatore Paternò era un amico semplice. I tripolini che sceglievano di diventare Scout passavano sotto gli occhi vigili di Salvatore. Applicava il metodo Scout sapeva trasmettere quelle basi fondamentali per migliorare il carattere, per stare con gli altri,  il senso del  dovere e,  il valore civico   diffondeva  serenità e gioia a partire dalla Coccinella allo stesso Salvatore.

Ricordo l'attenta organizzazione che Salvatore con i suoi Scouts sapevano dare a tutte le manifestazioni e cerimonie religiose come la processione  del Corpus Domini, il percorso della Via Crucis,  l'adorazione di Gesù in Croce e  alla partecipazione della Settimana del Traffico e quant'altro. Grazie caro Salvatore.

Chiedo una preghiera per Salvatore Paternò affinché possa raggiungere la luce e la pace del Signore e salutare tutti gli amici tripolini che troverà in Paradiso.

 

Ciao Tutti, Umberto

 

Varie

Cari amici,

riceviamo, pubblichiamo, ringraziamo e ricambiamo i nostri auguri di una Santa e buona Pasqua a Fr. Parisi Bartolo, Direttore del pensionato dei Fratelli del Colle La Salle di Roma.

Inviamo i nostri affettuosi auguri di Buona e Santa Pasqua a Fr. Luigi Lemme, Direttore dell'Istituto dei Fratelli del Colle La Salle e a tutti i Fratelli che amorevolmente da anni ci accolgono.

Per Il Comitato, Mario.

 

Auguri di Buona Pasqua

 

--------------------------

 

Il risultato delle arance biologiche siciliane

 

--------------------------

 

 

Una visita alla Basilica di S. Pietro in Vincoli

 

Per vedere il file ppsx vai con il mouse sulla parola link e con il tasto destro scarica il file sul computer, poi esegui il file con un doppio click.

Buona visione ->LINK<-

 

Una visita alla Basilica di S. Pietro

Scarica il ppsx

 

 

CARISSIMI,

Dal trimestrale "Lasalliani in Italia", del marzo 2015, anno XII n. 44, da pag. 19, pubblichiamo la cerimonia, avvenuta al raduno del settembre 2014 degli Exlali Fr. Amedeo, presso l'Istituto  Filippin dei F.S.C. di Bassano del Grappa, la premiazione ad Alberto Paratore, insignito con la "Stella d'Oro" al merito Lasalliano.

X il Comitato Mario.

 

-----------------------------

 

AMICI,

Pubblichiamo il verbale dell'Assemblea delle Associazioni Ex Alunni, tenutesi il 21 Marzo 2015, presso la Casa Generalizia, dove il nostro Exlali Fr. Amedeo, Gaetano Salgaro è stato eletto Tesoriere delle Associazioni Ex Alunni Fedexal. Congratulazioni

X il Comitato Mario.

 

In ricordo di Mariarosa

CARISSIMI,

 

Quando un'anima ritorna alla Casa del Padre, per noi Cristiani Cattolici, è un segnale d'amore di nostro Signore.

Lui, ha seguito, e conosce il suo vivere su questa terra, la sua operosità, per la famiglia, per il sociale e per la chiesa.

Dal 28 marzo 2015, Mariarosa non ha cessato di vivere tra noi, la ricordiamo moglie esemplare e affabile, premurosa e affettuosa con i figli.

Era paziente col marito Antonio per il tempo che dedicava all'organizzazione e per organizzare, in varie città, i raduni annuali degli Exlali di Tripoli, da sempre legata ai Fratelli delle Scuole Cristiane.

Condivideva e comprendeva queste operosità. Nel 1970 da profuga della Libia, finché gli è stato possibile ha collaborato con l'Associazione Italiana rimpatriati della Libia.

Cari amici ora tocca a noi sostenerla con le nostre preghiere affinché la sua luce brilli sempre più nel regno del Signore, e dall'alto ci guidi e ci indichi la strada da seguire, per meglio proseguire il nostro cammino terreno.

      Per il Comitato

      Mario

 

Aldo Muratori: La Cronaca - l’Avvenimento - la Conclusione

Carissimi,

A nome del Comitato Exlali Laziali, a mio tramite, abbiamo inviato ed invitato ai tantissimi Lasalliani e non, ad essere presenti alla Santa Messa del 22 febbraio 2015, in memoria di Aldo Muratori, deceduto il 16 gennaio 2015.

L’invito pregava, per i lontani o impossibilitati ad intervenire, ad esserlo spiritualmente, inviando, un pensiero, un fatto, un ricordo.

Dall’Italia, dall’America, dall’Australia e da Malta, di questi pensieri ne sono arrivati tanti.

Come programmato, di queste email sono state fatte le copie e consegnate alle figlie Tamara e Alessandra. Gesto molto gradito, come il pensiero del Presidente Consolandi, di inviargli la copia del notiziario L’Oasi, appena pronto, ove saranno inserite foto pensieri e ricordi.

Amici, a nome dei familiari Muratori, poiché sono impossibilitati a farlo a tutti, un ringraziamento sentito per l’affetto dimostrato, iniziando dal Direttore dell’Istituto del Colle, di Fr. Bartolo, direttore del pensionato dei Fratelli anziani del Colle, ai Fratelli presenti, al caro  e affettuoso ricordo di Don Giovanni, celebrante della Santa Messa.

Devo confessare che, non avendo  riscontrato nessuna email, da quelle persone di cui desideravamo ricevere un rigo un pensiero, un gesto d’amore, mi ero rammaricato anche con le figlie. Alle 10,45 con vera gioia sono stato smentito, si è vero che non aveva inviato neanche un rigo, ma la sua comparsa insieme alla sua consorte, ci ha resi un unico corpo.

Consolandi, durante l’omelia, da buon padrone di casa, ha espresso e letto il pensiero, inviatoci da Aldo Maria Calandra, rimasto in sospeso durante l’omelia del funerale.

Amici ripensando al pensiero, alla decisione e alle sue parole, sentite in questi giorni in televisione da Monsignor Martinelli, vescovo di Tripoli, di rimanere vicino al suo gregge, non posso non trascrivere i pensieri inviatemi il 23/02/2015 da una amica libica A. K. a cui diamo il nostro supporto, pregando al fine che queste tristi circostanze rimangono solo un ricordo.

"Qui purtroppo c’è odio, offesa, discordia, dubbio, errore, disperazione e tanta tristezza.

Sono triste da morire ,io che Amo l’Amore, il Perdono, l’Unione, la Speranza, la Luce, insomma Amo la Vita e amo la Libia. Si, come tutti noi che amiamo la nostra terra natia, desideriamo che tutte queste tristezze passino al più presto. Anch’io ho amato, amo e amerò sempre l’Associazione di Azione Cattolica dei F.S.C., e per quell’infinto affetto risponderò sempre presente.

Quando il 15 gennaio 2015 sono stato a far visita in ospedale ad Aldo, dopo varie discussioni, concludeva: "sta finendo tutto a schifio, sparpagliati si va sempre peggio.” Ancora una volta hai ragione.

Ciao Aldo.

Personalmente e per il comitato,

Mario Calandra.

 

Ricordando Aldo Muratori

Conoscevo Aldo dal 1950. Rimase impressionato dalla mia richiesta ed insistenza con Fr.  Arnaldo,

che al termine dell’incontro di calcio La Salle A - Libia B (la Cattedrale) finita 14 a 0 affinché si trasferisse alla Salle.

Seguirono l’esempio di Aldo, altri due giocatori divenuti negli anni gli amici del cuore, John Lanzon e  Augusto Annati. Dall’Australia, parole non di circostanza, ma reali d’affetto. Dall’America, non essendoci più anche l’amico Augusto, la moglie conoscendo la nostra amicizia, lo ha ricorda con affetto.

Passato qualche anno, quel giocatorino è divenuto il pilastro della squadra. Ricordo che Aldo ci ha tenuto in forte apprensione quando, a seguito di un incidente calcistico, causato da un contrasto di testa, Aldo ha avuto la peggio. Per mesi e mesi è stato assente e dopo cure, le prime volte che veniva alla Salle, portava un grande cappello perché non poteva ricevere neanche un raggio di sole.

Passano gli anni, per la sua Lasallianità e competenza diventa il delegato sportivo della Salle.

Ritrovatici a Roma, ed essendo gli Exlali in tanti, il nostro desiderio era quello di poterci riunire.

Quell’occasione per fortuna arrivò. Incominciammo ad incontrarci nei ristoranti, un giorno grazie all’amico Sergio Lippi fummo presentati ed accettati, diventati quindi aggregati all’Istituto dei Fratelli del Colle.

Aldo era sempre presente a tutti gli incontri, sia degli Exlali sia quelli religiosi e ricreativi organizzati dai Fratelli del Colle, determinante coi suoi consigli.

Molte volte mi telefonava per andare alla messa delle ore 7,30, quella dei Fratelli del pensionato e gli portava sempre le pastarelle. Aldo è stato l’artefice e determinante nel farmi ragionare, al fine di correggere un mio imperdonabile errore. Dopo, e tante insistenze, mi ha convinto, ed ho accettato il suo amichevole invito. Una domenica dopo la messa delle ore 7,30, quella dei Fratelli anziani, coi membri del Comitato ed il Direttore dell’Istituto del Colle, per discutere della chiusura del Sito.

Dopo una brevissima discussione, mi sono reso conto che, come lui anche gli altri, mi hanno spiegato che ho commesso un abuso. Il sito non è mio, e dalla denominazione, il sito è si, a nostro nome, ma di proprietà dell’Istituto dei Fratelli del Colle. Come pubblicato, ho chiesto scusa, e immediatamente ho riaperto il sito.

L’amico Aldo si è dimostrato ancora tale, due giorni prima del decesso, sono andato a trovarlo in ospedale, abbiamo parlato e discusso, e con lucidità del nostro gruppo, prospettando ciò che avremmo dovuto fare. Si era rammaricato che a causa di malattie, quest’anno non siamo potuti andare a fare gli auguri ai Fratelli anziani del pensionato del Colle.

Il mio triste e ultimo pensiero è che malgrado le avversità della vita, ha dovuto aspettare, ma solo materialmente, il raggiungimento con la sua amata Anna, poiché solo martedì 3 Febbraio 2015 è

possibile la sua sepoltura, a causa che non si trovava un loculo idoneo per le due salme.

A nome personale ed interpretando le tante email, ricorderemo Aldo per sempre, ricordandolo giornalmente nelle nostre preghiere, certi che  dall’alto continuerà ad essere presente tra noi.

CIAO  ALDO.        Mario  Calandra.

 

Caro Aldo, sorridici sempre dall’aldilà

 

   Aldo Muratori non è più tra noi. Con lui muore un altro pezzo d’Africa del nostro passato. Abbiamo voluto abbracciarlo per l’ultima volta al funerale che si è svolto nella Chiesa di Santa Galla in Roma che Aldo da buon cristiano sovente frequentava.

 

   La presenza di tanti amici, parenti, fratelli, compagni scuola, anziani e giovani tripolini, mi ha fatto rivivere quei momenti magici quando da ragazzi ci  si incontrava per ascoltare la Santa Messa di mezzogiorno nella nostra bella e amata Cattedrale del Sacro Cuore in quel lembo di terra sacro alle memorie in cui trovi scritta la nostra storia: la storia di una di Tripoli scomparsa per sempre, rimasta solo utopia, cioè un luogo e un’esistenza abbandonati.

 

   La Messa che è stata officiata in questa occasione, però, è ben diversa, è tutta dedicata al caro Aldo che se ne è andato portandosi con sé gli antichi ricordi della gioventù e quella parte di noi che ostentiamo a mantenere viva dentro i nostri cuori: lo stato d’animo che nelle nature ipersensibili crea il dolore, l’angoscia, ispira la meditazione sul mistero della vita, sul mistero della morte, ma che fa riudire la voce del sangue che parla, che comunica per mezzo della preghiera auspicandone l’intercessione presso Dio.

 

   Caro Aldo, te ne sei andato, e con te se ne va un pezzo di noi. Se ne va una voce che mentre ieri ronzava attorno a noi manifestando bonarietà e comprensione, oggi, all’improvviso, tace; e non tace solo per noi, tace soprattutto per la tua famiglia, per le tue figlie Tamara ed Alessandra, per i tuoi fratelli e per i tuoi nipoti che non ti dimenticheranno mai. Tace, così come all’improvviso tacciono le dolci note dei violini di un’orchestra.

 

   Nel tracciare un bilancio della tua vita, come quella di noi tutti, ci troviamo davanti ad un panorama animato da una sorprendente coerenza storica dove gli anni pesano e le ingiuste valutazioni a cui ci sottomettiamo segnano l’amarezza di buona parte del profondo della nostra vita. Hai sempre lottato per tutti noi con grande merito e con generosità; hai dato prova di abnegazione e dedizione, organizzando, in quel del “Colle La Salle”, insieme agli altri ex compagni della Scuola di via Mazzini di Tripoli, i Raduni offrendo momenti gioiosi a tutti.

    A te, Aldo, dobbiamo tanto in tanti.

 

   Caro Aldo, stai salendo quella scala che l’angelo del cielo, tra mille celesti melodie, ti condurrà al sommo del traguardo: alla Grazia del Signore; e ti ricongiungerà per sempre alla tua cara Anna. Ad entrambi adesso brilla la luce della gloria, quella luce interiore che è la fede. Sopra di voi c’è Dio, intorno Dio, dentro di voi Dio.

 

“Aldo, sorridici sempre dall’aldilà”

 

 

                                                                                Aldo Maria Calandra

 

Home  |  Ex allievi FSC  |  Colle La Salle  |  Appuntamenti  |  News  |  Galleria  |  Archivi  |  Crediti